NOVITA’ PER GLI ENTI DI RICERCA IN TEMA DI AUTORIZZAZIONE ALL’AVVIO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA L.125 DEL 30 OTTOBRE 2013.

Avv. Maurizio Danza cultore di Istituzioni di diritto pubblico-  Università degli Studi di Roma Tre

 

Di particolare interesse in riferimento all’importante tema dell’avvio delle procedure concorsuali, il nuovo comma 16 dell’art.4 della l. n125 del 30 ottobre 2013, effetto delle modifiche intervenute in sede di conversione del d.l. n.101 del 31 agosto 2013. A ben vedere infatti,tale disposizioni  apporta modifiche rilevanti all’articolo 35, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Come è noto infatti nel testo risultante prima delle modifiche, il testo unico del pubblico impiego, uniformava la disciplina relativa alle procedure di avvio concorsuale degli enti di ricerca alle altre pubbliche amministrazioni. A tal proposito infatti il comma 4 prevedeva espressamente che” Le determinazioni relative all’avvio di procedure di reclutamento sono adottate da ciascuna amministrazione o ente sulla base della programmazione triennale del fabbisogno di personale deliberata ai sensi dell’articolo 39 della legge 27 dicembre 1997, n. 449, e successive modificazioni ed integrazioni. Per le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, le agenzie, ivi compresa l’Agenzia autonoma per la gestione dell’albo dei segretari comunali e provinciali, gli enti pubblici non economici e gli enti di ricerca, con organico superiore alle 200 unità, l’avvio delle procedure concorsuali è subordinato all’emanazione di apposito decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare su proposta del Ministro per la funzione pubblica di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze.” Ebbene con la modifica apportata dalla L.125/2013 il legislatore sembra aver riconosciuto una maggiore autonomia agli Enti di Ricerca, atteso che ha aggiunto un ulteriore periodo nel comma 4 dell’art.35, prevedente la contestualità tra autorizzazione all’avvio, approvazione del piano triennale e piano del fabbisogno del personale. A tal proposito ha infatti previsto che “Per gli enti di ricerca, l’autorizzazione all’avvio delle procedure concorsuali e’ concessa, in sede di approvazione del piano triennale del fabbisogno del personale e della consistenza dell’organico, secondo i rispettivi ordinamenti. Per gli enti di ricerca di cui all’articolo 1, comma 1, del decreto legislativo 31 dicembre 2009, n. 213, l’autorizzazione di cui al presente comma e’ concessa in sede di approvazione dei Piani triennali di attività e del piano di fabbisogno del personale e della consistenza dell’organico, di cui all’articolo 5, comma 4, del medesimo decreto.

 

Informazioni su avvdanza

Avvocato Prof Diritto Del Lavoro Universitas Mercatorum
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...